Articoli

Lega B e Pes insieme: così la partita diventa virtuale

Cercare di avvicinare i tifosi con un’idea completamente inedita in Italia.
A partire da questa settimana, sui canali ufficiali social di Lega B è possibile gustarsi il posticipo di giornata in “anteprima virtuale”. Come? Semplice, con una partita simulata sul famosissimo videogioco di calcio PES. E’ questa la novità inserita nel suo piano editoriale da SportSuite, l’agenzia di comunicazione che da ormai quattro anni cura la gestione e lo sviluppo social della stessa Lega B.

La strategia di comunicazione

Per una lega professionistica in Italia si tratta di una prima volta in assoluto, volta a dare ancora maggior risalto alla partnership stipulata lo scorso 9 ottobre proprio tra il gioco targato Konami (che detiene le licenze di tutte le squadre di B) e il campionato cadetto, da sempre ricco di spettacolo, gol e mai avido di emozioni.
La strategia di comunicazione messa in atto da SportSuite punta così a sfruttare questo connubio tra E-Games, una realtà in espansione continua e che vanta oltre 1 milione e 200 mila appassionati soltanto in Italia, e social.
Il fine è semplice. Avvicinare un pubblico giovanile e aumentare l’interazione con i fan, che hanno la possibilità di commentare le azioni dei loro beniamini in formato virtuale.

E-Games, una crescita inarrestabile

I numeri della crescita del fenomeno E-Games sono sotto gli occhi di tutti. Si tratta di una realtà globale che, giusto per snocciolare qualche numero, è in grado di raccogliere l’interesse di oltre 400 milioni di persone nel mondo. Per questo l’inserimento di una rubrica che dia spazio a questa nuova frontiera può essere una strategia comunicativa efficace e attenta alle dinamiche del mercato.
Agli utenti non resta quindi che sedersi comodi davanti ai vari tablet, pc e cellulari. Con la possibilità di commentare e gustarsi un ricco antipasto e avvicinarsi nel miglior modo possibile alla partita.

Lega B, #LivelloFinale: se il playoff diventa un “videogioco”

Il concetto di gaming abbinato alla finale playoff. Una strategia di comunicazione originale e inedita per aumentare l’hype e alimentare l’interesse, con la creazione di contenuti esclusivi per tutti gli appassionati. Per l’ultimo atto dei Playoff di Serie B tra Verona e Cittadella, seguiti da SportSuite sui profili ufficiali della Lega B, si è cercato di intraprendere la strada della novità. Un’innovazione rappresentata da una linea grafica dedicata, con un richiamo forte all’idea di videogioco (stile Pac-Man) e l’utilizzo di un hashtag specifico: #LivelloFinale, l’ultimo gradino da salire per conquistarsi la promozione in Serie A.
SportSuite ha curato direttamente sia la realizzazione dei contenuti editoriali precedenti e successivi al match – sempre con grafiche, musiche e concept con richiamo al tema del gioco – sia la diretta del social match, attraverso i canali Facebook, Instagram e Twitter.
La finale playoff è tra gli eventi più importanti della stagione, poiché decide l’ultima squadra promossa in Serie A. Per questo si è scelto di creare un vero e proprio “film” interattivo dell’evento da poter rivivere nel tempo e da mettere in evidenza su Instagram. L’idea è stata quella di promuovere dei contenuti di carattere informativo che allo stesso tempo facilitassero l’intrattenimento attraverso immagini esclusive direttamente dallo stadio dei protagonisti, del pubblico e dell’atmosfera, e che stimolassero l’interazione, grazie a una gamification nel flusso di storie, che ha costantemente invitato gli utenti (molto reattivi e coinvolti) a partecipare.
Sul profilo Instagram di Lega B sono stati 95 i post creati, tra feed e stories, solo nell’immediato pre o post partita, con oltre un milione e quattrocentomila persone raggiunte complessivamente, e con un’interazione totale superiore a 70.000.
Su Facebook i post sono stati 24, con annesso il live della partita e aggiornamenti a ogni gol di una delle due squadre.
Ancor più articolato il discorso inerente a Twitter, dove c’è stata una cronaca costante condita di interviste pre-partita e aggiornamenti in tempo reale. Una diretta no stop su ciascun social che ha avuto una risposta soddisfacente da parte degli utenti, con una crescita esponenziale delle interaction nel momento del lancio della strategia e un flusso di storie che, nonostante la grande quantità di materiale prodotto, ha registrato un tasso di abbandono molto inferiore alla media.


Ma non è tutto: sempre rispettando l’idea originale del gaming, per catturare l’attenzione nei giorni antecedenti alla partita si è scelto di adottare una strategia comunicativa differente dal solito, con chiari richiami alla storia calcistica delle due squadre – molto differenti tra loro per passato e blasone – alla vicinanza geografica (era un derby) e a vari aspetti di colore e non solo inerenti alla gara in sè. Anche in questo caso la risposta è stata positiva, con buona parte degli utenti che hanno apprezzato la novità proposta.