Articoli

Un anno dopo il “colpo del secolo”: l’effetto Ronaldo sui social della Juventus

E’ trascorso un anno da quando la Juventus ha ufficializzato quello che è stato considerato il “colpo del secolo”: l’arrivo di Cristiano Ronaldo a Torino.
Anche i più distratti non possono certo dimenticare le ore precedenti e successive all’annuncio.
Tutta la comunicazione digital (e non solo) stava con la lente puntata su CR7.

Il mondo pallonaro, ammaliato da una scelta per molti rocambolesca, aveva preso la forma dell’ammiccante sguardo del fenomeno portoghese.
Ma CR7 non è solo calcio.
Anche chi non ne aveva ancora coscienza, ha dovuto fare i conti con la potenza d’immagine di questo talento.
Gli esperti di economia e finanza iniziarono a studiare il folle andamento in borsa della Juventus, che schizzò alle stelle.
Anche gli appassionati di marketing avanzarono le prime stime: entro quanto tempo il costo d’acquisto del giocatore sarà interamente coperto dagli introiti legati al merchandising?
E gli esperti di social come noi si sono divertiti a studiare il fenomeno CR7

I NUMERI DI RONALDO SUI SOCIAL

 

Con l’arrivo di Ronaldo la Juventus stravince il campionato della crescita annuale sui social network

 

L’effetto Ronaldo è stato dirompente sulla fanbase della Juventus. In un solo mese la community bianconera è passata da 50 a 60 milioni.
La traduzione economica di questa impennata è facilmente decifrabile in un balzo clamoroso nel valore delle partnership con il marchio Juve.
Basti pensare che Adidas ha ritrattato il proprio accordo con la società di Agnelli. Dalla prossima stagione, il contratto passerà da 23,25 milioni l’anno a 51, a cui andranno aggiunti le royalties in caso di superamento di determinati volumi di vendita e i premi legati ai risultati sportivi.

Snocciolando i numeri notiamo i seguenti andamenti:

– Facebook: da 32,6 milioni di fan a 38,8;
– Instagram: da 9,8 milioni a 28,6. Questa crescita fenomenale non è solo dovuta al momento di picco del social network ma alla straordinaria fanbase di Ronaldo, il personaggio più seguito al mondo con i suoi 178 milioni (più degli abitanti di Italia, Francia e Spagna messi assieme!!!!!!!)
– Twitter: da 5,8 a 6,9
– YouTube: da circa 700 mila a 2 milioni di iscritti al canale.

Solamente questi numeri spiegano l’influenza di Ronaldo sulla gente.
La Juventus è ora a ridosso del podio delle squadre più social d’Europa.
Le solite Real Madrid, Barcellona e Manchester United sono al momento irraggiungibili con oltre 200 milioni di follower le spagnole e 120 i britannici.
Se però ci focalizziamo solamente su Instagram, il social network che al momento permette la maggiore crescita organica, la distanza tra bianconeri e Reds si è praticamente annullata: solo 1,2 milioni di follower di differenza.

Resta da capire come verrà monetizzato tutto questo allargamento.
Di certo, le strategie digitali della Juventus sono molto interessanti. Si parte dalla più scontata vendita diretta del merchandising tramite la funzione checkout, fino ad arrivare all’adesione a una piattaforma blockchain di fan engagement, che prevede il lancio di un token destinato ai tifosi.
Senza dimenticare la crescita del brand a livello internazionale, che già di per sé porta ad una lievitazione dei ricavi.

Solo al termine del ciclo “Juve-CR7” potremo trarre conclusioni definitive sull’entità dell’effetto Ronaldo per l’immagine del marchio bianconero (e di riflesso per le sue casse).
Al momento, ciò che conta di più per i tifosi è il risultato sportivo. In particolar modo una sfida internazionale che è ormai diventata ossessione per il popolo juventino: la Champions League.
Una sfida che ha stimolato anche il re dell’impossibile.
E state pur certi che con questo eventuale trofeo in bacheca proprio sotto l’egemonia portoghese, i numeri social e l’immagine della Juventus nel mondo sono destinati ad un ulteriore crack!

Presentazione Professione Influencer con Alessandro Veroli

Influencer, da passione a professione

Influencer è una di quelle parole entrate di diritto nel vocabolario di tutti i giorni. Non solo di quello degli esperti di social network. Tanto da diventare un vero e proprio lavoro. Anzi, una professione. Proprio come recita il titolo del libro (“Professione Influencer”, appunto), scritto dal giornalista Lino Garbellini, edito da Tecniche Nuove e presentato ieri a Torino, in un incontro a cui SportSuite non poteva mancare. Rappresentata da Alessandro Veroli che ha vestito i panni del mediatore.

Un momento della presentazione di professione influencer

 

Un incontro, tenutosi presso la libreria Paravia, in cui si è parlato a lungo di questa nuova figura di influencer. Incarnata alla perfezione da Chiara Ferragni e a cui molti stanno provando ad avvicinarsi. Spesso senza conoscerne le basi.

Chiara Ferragni, ma non solo. Emblematico il caso del noto youtuber Fabio Rovazzi, diventato testimonial della Fiat Panda dopo averne fatto un tormentone nella sua canzone “Andiamo a comandare”. Un case history raccontato da Davide D’Amico dell’ufficio stampa FCA.

i relatori alla presentazione di professione influencer

O come quello di Giorgio Chiellini, di cui Alessandro Veroli ha raccontato il ruolo di precursore nel mondo dei social. Di cui ancora oggi è uno degli sportivi italiani con più follower sui vari canali ufficiali.

la copertina del libro Professione Influencer

Per chi vuole saperne di più su questa nuova figura, “Professione Influencer” di Lino Garbellini rappresenta una guida affidabile. Oltre che una piacevole lettura.

 

Peppe Poeta e Margherita Granbassi

Poeta ospite al Festival dell’Innovazione e della Scienza con Margherita Granbassi

Giuseppe Poeta e Margherita Granbassi protagonisti al Festival dell’Innovazione e della Scienza. Insieme all’ex campionessa di scherma, il capitano della Fiat Torino ha preso parte giovedì sera (18 ottobre) a uno degli incontri in programma in questi giorni a Settimo Torinese. Quella del 2018 è la 6^ edizione della kermesse e ha come titolo “Pensa alla salute”.

poeta e granbassi a settimo torinese

Poeta e la Granbassi hanno raccontato le loro esperienze da sportivi di altro livello, discusso di alimentazione e prevenzione degli infortuni. E al termine dell’incontro hanno divertito il pubblico con due simpatici siparietti, in cui si sono cimentati in un assalto di scherma e in una sessione di tiri a canestro.

poeta e granbassi si cimentano nella scherma

Una serata organizzata al meglio e ben riuscita grazie alla simpatia e alla disponibilità dei due campioni. SportSuite era presente all’evento come supporto a Peppe, per la gestione dei suoi social.

Poeta e Granbassi ospiti al Festival dell'Innovazione e della Scienza

Il Festival dell’Innovazione e della Scienza è organizzato dalla Fondazione ECM (Esperienze di Cultura Metropolitana) in collaborazione con il Comune di Settimo Torinese ed è realizzato grazie a contributi esterni. La città della cintura torinese può vantare sul proprio territorio importanti aziende in campo tecnologico e innovativo e ha un’efficace collaborazione pubblico-privato.

l'incontro tra Gigi Buffon e Thierry Omeyer a Parigi

Con Buffon a Parigi

Un mercoledì a fianco di Gigi Buffon. Per SportSuite è stata una giornata con destinazione Parigi, dedicata alla visita al numero uno del Paris Saint-Germain per pianificare insieme nuove attività.

l'incontro tra Gigi Buffon e Thierry Omeyer a Parigi

L’occasione per assistere da vicino a un incontro tra fenomeni. Buffon ha infatti avuto l’occasione di conoscere Thierry Omeyer, una delle più grandi leggende della storia della pallamano mondiale. Un pluricampione (olimpico, mondiale ed europeo), che con Gigi divide un’altra dote distintiva: il ruolo di portiere. Dal 2014 difende i pali del Paris Saint-Germain.

la maglia di Omeyer con la dedica per Gigi Buffon

In poche parole, un incontro tra numeri uno che SportSuite ha potuto ammirare da vicino e testimoniare sui profili social di Buffon. Per raggiungere una community fatta di oltre 14 milioni di utenti tra facebook, instagram e twitter. Senza dimenticare la app ufficiale lanciata pochi mesi fa.

Emanuele Blandamura nella squadra di SportSuite, benvenuto Sioux

Emanuele Blandamura entra a far parte della squadra di SportSuite. Il nostro team di sportivi di fama internazionale si arricchisce con l’ingresso di uno dei pugili italiani più conosciuti.

Classe 1979 (compirà 39 anni il prossimo 19 dicembre), soprannominato Sioux, Blandamura è uno dei Pesi Medi più apprezzati tra quelli ancora in attività.

Oltre ai tanti risultati ottenuti sul ring, si è fatto conoscere per la sua autobiografia “Che lotta è la Vita”, scritto con il giornalista Dario Torromeo e uscita un anno fa.

SportSuite si conferma tra le agenzie di comunicazione più attive nella gestione di atleti di primo piano e nel marketing legato allo sport. E con grande piacere dà il benvenuto a Emanuele.

Google Plus al passo d’addio

Google Plus ha i giorni contati. Il social creato collegato al più celebre tra i motori di ricerca chiuderà a breve. Dietro la decisione di Google non c’è solo la difficoltà a tenere il passo dei competitor, Facebook su tutte, quanto una ragione di sicurezza dei dati. A causa di bug del sistema, nei mesi scorsi le informazioni di oltre 500mila utenti sono diventati accessibili agli sviluppatori di servizi terzi.

Una decisione, quella di chiudere Google, presa per evitare le ripercussioni avute da Facebook all’indomani della scoperta dello scandalo di Cambridge Analytica.

Dopo appena sette anni finisce quindi l’esperienza di Google Plus. Aperto nel 2011 per controbattere il successo dilagante di Facebook (e in quel periodo di Twitter), la piattaforma doveva sfruttare al meglio i milioni di utenti possessori di una casella di posta elettronica Gmail. Il progetto non è mai decollato. Nonostante le speranze, gli investimenti e la repentina apertura di profili ufficiali dei personaggi pubblici. Tra questi, naturalmente, i più grandi sportivi.

 

 

FED di Milano, SportSuite e IdeaSuite spettatori interessati

FED, ovvero Forum dell’Economia Digitale, uno degli appuntamenti più importanti e attesi per parlare di digital in Italia. Si è svolto ieri, martedì 3 luglio, al MiCo di Milano e SportSuite e IdeaSuite erano presenti in platea per ascoltare il dibattito che ha coinvolto alcuni dei personaggi più influenti del panorama italiani.

Imprenditori, giornalisti, influencer e accademici. Da Mario Calabresi ad Alessandro Benetton, da Martina Colombari a Salvatore Aranzulla, da Marco Montemagno a Davide Casaleggio, Da Alessio Grossi a Luca Sofri, fino ad arrivare al rapper Ghali. E, naturalmente, tantissimi spettatori in sala. Tutti insieme per parlare del “Future of Tomorrow” come indicato dal titolo dell’incontro, organizzato da Facebook e dai giovani imprenditori di Confindustria. Ascoltare le ultime novità del campo digital e il racconti dei casi di successo. Anche per trattare alcuni dei temi più ricorrenti di questo periodo: dalle fake news al ritardo dell’Italia nella digitalizzazione, fino alle opportunità di business offerte dai social. Un’utile occasione di confronto, questo FED di Milano, che ha dato tanti spunti per il futuro. Un futuro sempre più all’insegna del digitale.

IGTV, nasce la tv di Instagram

Si chiama IGTV ed è l’ultima novità social che atterra sul pianeta dei video. Quattro lettere che significano semplicemente Instagram TV, cioè la “televisione” lanciata dal noto network delle immagini. Quindi della galassia Mark Zuckerberg.

La decisione, quella di Instagram  di lanciare IGTV, è dettata da una serie di fattori. Intanto il grande valore che i video assumono in rete, ogni giorno di più. Poi il successo delle Stories. Ma anche i dati raccolti che vedono i giovanissimi sempre meno attratti dalla televisione tradizionale e sempre di più dal mobile.

Le abitudini dei millenians hanno condizionato un’altra scelta chiave per IGTV. I video non vengono riprodotti nel classico formato orizzontale. Bensì, in verticale, proprio come nelle già citate Stories. Una scelta che potrebbe finire per rendere difficile la fruizione di alcuni programmi. Intanto i film, ma anche e soprattutto gli eventi sportivi.

L’altra grande novità di IGTV è legata alla lunghezza dei video, che potrà andare anche oltre i 60 minuti. Al momento non sono previste le pubblicità, il che potrebbe non renderla del tutto appetibile agli inserzionisti. Ma, trattandosi di una fase sperimentale, le politiche potrebbero cambiare nei prossimi mesi.

Attualmente IGTV costituisce una app a sé stante, anche se chiaramente collegata a Instagram. Un altro marchio di fabbrica di Facebook. Quella stessa Facebook che sui video ha scommesso da tempo e che sembra aver piazzato il colpo giusto.

Empoli festa

Social, a maggio Serie B prima Lega in Europa

Dal punto di vista social, è stato un gran mese di maggio per la Lega Serie B. Secondo i dati raccolti dall’agenzia IQUII SPORT, analizzando l’andamento dei principali social media (Facebook, Twitter, Instagram e Youtube), Lega Serie B ha fatto registrare un incremento dell’1,66% rispetto ad aprile. Il miglior dato in assoluto tra le 12 principali leghe calcistiche europee prese in esame.

Grafico IQUII SPORT

In questa graduatoria, precedute nell’ordine la Secunda Liga portoghese e la Championship inglese, salite rispettivamente dell’1,50% e dell’1,31.

Un risultato di grande prestigio che per noi di SportSuite è motivo d’orgoglio. Lega Serie B fa parte da tempo del portfolio dei nostri clienti.

 

Web Marketing Festival di Rimini, SportSuite c’è!

Web Marketing Festival: basta il nome! Uno degli eventi imperdibili per gli appassionati di innovazione digitale si sta svolgendo in questi giorni a Rimini e SportSuite è presente.

Tre intere giornate (giovedì 21, venerdì 22 e sabato 23 giugno) dedicate al web marketing, alla digital e social innovation. Ma soprattutto tre giornate di eventi, incontri e la possibilità di parlare e confrontarsi sull’attualità e su ciò che farà tendenza nel prossimo futuro nel panorama digitale.

A un evento così prestigioso, SportSuite non può mancare. Pronta ad ascoltare le ultime novità nel campo dell’innovazione digitale. Ma anche a far sentire la propria testimonianza. Attraverso l’intervento di Alessandro Veroli, protagonista dell’incontro dal titolo “Il Social Media Manager ‘personale’: cosa significa fare comunicazione social per un personaggio pubblico”.

 

L’occasione per approfondire il tema della gestione dei profili social di un personaggio famoso, sia esso sportivo o dello spettacolo. Con particolare riferimento a un caso di successo legato a un altro festival, cioè la partecipazione di Pierfrancesco Favino a Sanremo.