Articoli

l'incontro tra Gigi Buffon e Thierry Omeyer a Parigi

Con Buffon a Parigi

Un mercoledì a fianco di Gigi Buffon. Per SportSuite è stata una giornata con destinazione Parigi, dedicata alla visita al numero uno del Paris Saint-Germain per pianificare insieme nuove attività.

l'incontro tra Gigi Buffon e Thierry Omeyer a Parigi

L’occasione per assistere da vicino a un incontro tra fenomeni. Buffon ha infatti avuto l’occasione di conoscere Thierry Omeyer, una delle più grandi leggende della storia della pallamano mondiale. Un pluricampione (olimpico, mondiale ed europeo), che con Gigi divide un’altra dote distintiva: il ruolo di portiere. Dal 2014 difende i pali del Paris Saint-Germain.

la maglia di Omeyer con la dedica per Gigi Buffon

In poche parole, un incontro tra numeri uno che SportSuite ha potuto ammirare da vicino e testimoniare sui profili social di Buffon. Per raggiungere una community fatta di oltre 14 milioni di utenti tra facebook, instagram e twitter. Senza dimenticare la app ufficiale lanciata pochi mesi fa.

IGTV, nasce la tv di Instagram

Si chiama IGTV ed è l’ultima novità social che atterra sul pianeta dei video. Quattro lettere che significano semplicemente Instagram TV, cioè la “televisione” lanciata dal noto network delle immagini. Quindi della galassia Mark Zuckerberg.

La decisione, quella di Instagram  di lanciare IGTV, è dettata da una serie di fattori. Intanto il grande valore che i video assumono in rete, ogni giorno di più. Poi il successo delle Stories. Ma anche i dati raccolti che vedono i giovanissimi sempre meno attratti dalla televisione tradizionale e sempre di più dal mobile.

Le abitudini dei millenians hanno condizionato un’altra scelta chiave per IGTV. I video non vengono riprodotti nel classico formato orizzontale. Bensì, in verticale, proprio come nelle già citate Stories. Una scelta che potrebbe finire per rendere difficile la fruizione di alcuni programmi. Intanto i film, ma anche e soprattutto gli eventi sportivi.

L’altra grande novità di IGTV è legata alla lunghezza dei video, che potrà andare anche oltre i 60 minuti. Al momento non sono previste le pubblicità, il che potrebbe non renderla del tutto appetibile agli inserzionisti. Ma, trattandosi di una fase sperimentale, le politiche potrebbero cambiare nei prossimi mesi.

Attualmente IGTV costituisce una app a sé stante, anche se chiaramente collegata a Instagram. Un altro marchio di fabbrica di Facebook. Quella stessa Facebook che sui video ha scommesso da tempo e che sembra aver piazzato il colpo giusto.